Richiedi consulenza
Guida per aspiranti passeggeri: i 5 gesti da evitare assolutamente in auto

Guida per aspiranti passeggeri: i 5 gesti da evitare assolutamente in auto

In di RentPro

L’automobile è un mezzo di trasporto ma in molti casi è un vero e proprio stile di vita. Diversi guidatori acquisiscono una forte gelosia nei confronti della propria vettura e spesso la presenza di un passeggero può causare un innumerevole serie di gesti fastidiosi che possono mandare in escandescenza il guidatore. Oggi ci rivolgiamo direttamente a chi solitamente non guida e si affida ad un driver esperto per i suoi spostamenti: ecco una serie di comportamenti che è consigliabile evitare per non causare incomprensibili scatti d’ira.

Mai sbattere le portiere

L’ingresso in auto è un momento fondamentale in cui non vanno assolutamente commessi errori per dare immediatamente una buona impressione al guidatore. Una volta trovata la giusta posizione sul sedile, il braccio destro automaticamente tira la portiera e SLAM! Ecco, in questo preciso istante siete finiti nella blacklist dei sbattitori di porta seriali, probabilmente la peggiore categoria di passeggeri secondo il Sacro Ordine dei Guidatori. Modulare la forza è fondamentale quando si chiude la portiera di un’auto, è inutile tirarla vigorosamente, basta accompagnarla e la chiusura avverrà maniera dolce e naturale.

Non toccare la radio

autoradio

In auto la musica è un elemento da non sottovalutare e la gestione della playlist è una delle priorità riservate a chi guida. Non sempre i gusti musicali del pilota mettono tutti d’accordo e spesso si è vittima di lunghe traversate che mettono a dura prova timpani e stomaco di chi siede dal lato passeggero. In questi casi la tentazione di spingere il dito indice verso l’autoradio e cliccare verso una nuova stazione è fortissima, ma è bene evitare questo folle gesto: studi scientifici dimostrano che cambiare stazione radio in auto può portare a gravi ripercussioni, anche fisiche. In generale, si consiglia di evitare anche i comandi del climatizzatore o qualsiasi pulsante che azioni qualcosa.

Guai a dove mettete quel ginocchio

L’abitacolo di un’auto si divide in differenti zone dedicate ad ogni passeggero, ma lo spazio riservato al guidatore è una riserva protetta ed inaccessibile, salvo esplicita autorizzazione. Non sempre si conoscono i confini di questa zona e lo sconfinamento può avvenire in qualsiasi momento. Una delle situazioni classiche avviene quando si è all’interno di un’auto col cambio manuale: le marce alte sono situate verso la periferia del Comune del Guidatore, una zona grigia dove la leva del cambio può andare incontro al ginocchio del passeggero che, nel tentativo di rilassarsi, ha aperto troppo le gambe. Questo piccolo sconfinamento è una chiara dichiarazione di guerra nei confronti del guidatore e della quinta marcia, causa di un conflitto che neanche l’ONU sarebbe capace di arginare. Insomma, se proprio volete rilassarvi, fatelo dall’altro lato.

Se dice che è a destra, lasciatelo andare a destra

“Leave me alone, I know what I’m doing”: con queste parole, Kimi Raikkonen zittì il suo ingegnere di pista mentre andava a conquistare la vittoria del GP di Abu Dhabi 2012. Un grande pilota ha sempre tutto sotto controllo e l’influenza esterna causa solo inutili noie. Ogni guidatore è ben consapevole di cosa sta facendo e dove sta andando ed è importante non contraddirlo mai. Il navigatore satellitare è una diavoleria inutile e chiedere ai passanti è un’offesa gravissima. Se lui dice che deve girare a destra, lasciatelo fare. Poi se sbaglia avrete tutto il diritto di usare il classico “te l’avevo detto”. In fondo anche Raikkonen una volta sbagliò strada e si trovò di fronte ad un cancello chiuso.

Non urlare e non dire parolacce

Un’automobile non è solo un mezzo di trasporto: è una vera e propria abitazione dove il conducente ospita i suoi passeggeri. Un ambiente protetto, dove è bene avere un certo contegno. Alzare la voce è inutile ed oltremodo fastidioso ed è importante avere un registro linguistico adatto all’occasione ed evitare esclamazioni infelici. Questa regola non vale per il guidatore, la cui pazienza è costantemente messa alla prova da una mandria di irresponsabili patentati.

Condividi su: