Richiedi consulenza
Bambini in auto: i sediolini anti-abbandono diventano obbligatori

Bambini in auto: i sediolini anti-abbandono diventano obbligatori

In di RentPro

I casi di abbandono di bambini in auto sono tristemente noto in Italia e da qualche tempo le forze politiche hanno aperto un dibattito per attuare alcune normative mirate a ridurre l’entità di questo preoccupante fenomeno. Recentemente è stato firmato un importante decreto, che rende obbligatorio l’utilizzo dei cosiddetti “sediolini anti-abbandono”.

Le modifiche all’art. 172 del Codice della Strada e il nuovo obbligo

Il decreto legge recentemente approvato apporta importanti modifiche al Codice della Strada, in particolare all’articolo 172. Le nuove norme rendono obbligatori i dispositivi “anti-abbandono” quando si trasportano bambini di età inferiore ai 4 anni.

Quando entra in vigore e cosa succede se ci si adegua

L’obbligo sarà effettivo 120 giorni dopo l’entrata in vigore del decreto ministeriale quindi febbraio 2020 sarà il mese chiave per la nuova normativa. La presenza di questa tipologia di dispositivi sarà obbligatoria quando si trasportano bambini di età inferiore ai 4 anni e i trasgressori saranno puniti con una sanzione amministrativa da 81 a 326 euro e la decurtazione di 5 punti dalla patente.

Previsti incentivi per l’acquisto di dispositivi anti-abbandono

La Legge n. 117/2018 prevede dei contributi statali per l’acquisto di dispositivi anti-abbandono, ma le cifre precise e le modalità per accedere agli incentivi saranno chiariti solo dalla prossima Legge di Bilancio. I dispositivi possono essere di 3 tipologie:

  • Integrati al sediolino o in dotazione all’auto
  • Composto da più componenti
  • Un componente indipendente dal sediolino e dalla vettura

L’allarme del Codacons

L’associazione dei consumatori del Codacons si è dichiarata favorevole a questa nuova norma ma richiede al governo maggiore chiarezza sui contributi statali destinati alla diffusione dei dispositivi anti-abbandono. L’obbligo per legge di questi apparecchi potrebbe aprire le porte ad un’ondata di speculazioni da parte delle aziende che li producono. Secondo Carlo Rienzi, presidente Codacons, è necessario che i dispositivi anti-abbandono siano, oltre che obbligatori, gratuiti per tutti i genitori.

Condividi su: