Richiedi consulenza
Daewoo Matiz, la city car coreana dal cuore italiano

Daewoo Matiz, la city car coreana dal cuore italiano

In di RentPro

La Daewoo – in seguito Chevrolet – Matiz è stata una delle city car più amate in Italia. La piccola coreana è riuscita ad entrare nel cuore degli italiani col suo look giovanile e l’estrema praticità. Con oltre 2,5 milioni di esemplari venduti in circa 10 anni di carriera, la piccola Matiz ha lunga storia alle spalle, che parte dall’Italia.

La Lucciola torinese

italdesign-lucciola

Tutto comincia nel 1993, quando la Italdesign di Giorgetto Giugiaro presenta la concept Lucciola. La vettura si pone il ruolo di erede della Fiat 500 e arriva al Salone di Ginevra con lo stemma della casa torinese in bella vista. Esteticamente è esattamente quella che oggi ricordiamo come la Matiz, fatta eccezione per alcuni dettagli del frontale e la carrozzeria 3 porte. Dal punto di vista meccanico, la Fiat Italdesign Lucciola ha una scheda tecnica davvero avanzata per sua epoca: sotto al cofano trovano posto due motori elettrici da 7 kW ed un piccolo bicilindrico diesel da 8 CV. La configurazione ibrida risulta troppo costosa da produrre per la dirigenza Fiat, che accantona il progetto e lo cede alla coreana Daewoo.

Nasce la Daewoo Matiz

daewoo-matiz-1998

Durante i primi anni ‘90, l’allora presidente di Daewoo, Who Woo Choonga, aveva bisogno di espandere la gamma con una piccola city car con caratteristiche da monovolume. Il progetto Lucciola aveva già destato l’interesse di Choonga e le linee firmate Italdesign si sposavano alla perfezione con le sue idee. Nel 1997 il progetto Daewoo Matiz si concretizza con la presentazione ufficiale al Salone di Seul. Lo stile della vettura è fedele a quanto visto con la Lucciola, le poche differenze riguardano la configurazione 5 porte ed una razionalizzazione degli interni mirata soprattutto a sfruttare ogni cm3 disponibile.

Un successo istantaneo

Il look moderno e la capacità di ospitare 5 passeggeri in appena 3,49 metri decretano l’immediato successo della Daewoo Matiz, che in Italia balza ai primi posti nelle classifiche di vendita. Il listino della piccola coreana prevede un’unica motorizzazione: un 3 cilindri benzina 800cc da 52 CV.

Daewoo Matiz: il primo restyling e il passaggio a Chevrolet

matiz-m150

Nel 2001 la Daewoo Matiz riceve il suo primo restyling. Il look della vettura risulta più sofisticato e sul corpo vettura arrivano più elementi disponibili in tinta con la carrozzeria. Nonostante le ottime vendite della Matiz, il dipartimento Auto & Technology di Daewoo subisce una forte crisi e viene ceduto a General Motors. La prima modifica di GM sulla Matiz è l’introduzione, nel 2003, di nuovo motore 4 cilindri 1.0. Nel 2005 la vettura perde il marchio Daewoo e reca lo stemma Chevrolet.

Chevrolet Matiz, nel 2005 arriva la seconda generazione

chevrolet-matiz

La seconda generazione della Chevrolet Matiz debutta nel 2005. La nuova arrivata riesce a rinnovarsi completamente, senza tradire il look dei vecchi modelli a marchio Daewoo. Il design è ancora una volta firmato Giugiaro e la vettura risulta decisamente più moderna, con nuovi dettagli come i fari sagomati e la calandra frontale. La gamma motori conferma il 3 cilindri 800 cc e il 4 cilindri 1.0, che intanto vengono rivisti e omologati Euro 4. Una grande novità è data dalle varianti Dual Power, con impianto GPL fornito dalla italiana BRC, nel 2007 l’impianto viene omologato direttamente in fabbrica e questo modello assume il nome “Eco Logic”. La carriera di questo modello procede con un restyling nel 2007 e si conclude nel 2009, anno in cui Chevrolet sostituisce la Matiz con la city car Spark, basata su meccanica e pianale General Motors.

Condividi su: